Selva Capuzza Luppoli e Uva - LuppolieUva.it

Vai ai contenuti
Podere Selva Capuzza Lugana San Vigilio

Prodotto dalla vinificazione di uve Turbiana in purezza raccolte manualmente prima che raggiungano una maturazione evoluta.
Le uve subiscono una pressatura soffice, la successiva fermentazione alcolica è svolta a bassa temperatura da lieviti selezionati; in genere non si effettua la fermentazione malolattica.
Nei mesi invernali il vino si affina a contatto con le fecce fini (battonage) fino a gennaio/febbraio in serbatoi di acciaio; nei mesi di marzo/aprile viene imbottigliato e, dopo uno o due mesi di affinamento in bottiglia, viene messo in vendita. Si presenta di colore giallo paglierino scarico con riflessi verdolini nella fase giovanile; il profumo è delicato, in alcune fasi austero come caratteristico del vitigno di origine.
Prevalgono sentori tipici di agrumi, mela, fieno. Al gusto si presenta molto equilibrato, fresco e di facile beva. Si denota per una ottima fragranza ed una media sapidità, portandolo ad essere un Lugana da aperitivo o eccellente ad accompagnare tutto il pasto durante i mesi estivi. E' uno dei vini di più remota tradizione per la nostra cantina, si ricorda in bottiglia fino dai primissimi anni sessanta. Svariate sue annate sono state premiate dai principali concorsi enologici della zona.

Vitigno: Turbiana
Raccolta: Manuale
Vinificazione: acciaio
Gradazione alcolica: 12,5°
Prima annata prodotta: metà anni 60
Aspetti Organolettici: prodotto dalle uve di giovani vigneti, Il San Vigiliorappresenta l’interpretazione più tradizionale del Lugana: fragrante, fresco e con un accenno alla mineralità. Struttura di grande equilibrio capace di evolvere in profondità con un affinamento in bottiglia.
Abbinamento Gastronomico: per la sua freschezza è ideale come vino da aperitivo, o per accompagnare insalate e pesce azzurro.
Prezzo al pubblico: €  13,90
Podere Selva Capuzza Lugana Selva

Uno dei primissimi Cru nati in Lugana.
Prodotto dalla vinificazione di uve di Turbiana in purezza coltivate in uno dei vigneti più particolari di tutta la zona Doc.
Il vigneto principale che dà il nome al Podere è caratterizzato da tre elementi fondamentali: l'elevazione tra i 110 ed i 125 mslm, l'inclinazione collinare e la ricca presenza di sasso a rendere più friabile e permeabile l'argilla. Il suo nome "Selva Capuzza" trova proprio in questo riferimento (Capuzza: Cappuccio) l'indicazione della sua particolare posizione. Le uve sono raccolte a mano in cassette da 20 Kg e portate in cantina, dove vengono pressate a soffice. Il mosto viene poi raffreddato ed illimpidito con la massima cura per dare poi corso alla fermentazione alcolica con lieviti selezionati. Tutta la vinificazione si svolge in vasche in acciaio per proteggere ed esaltare le caratteristiche tipiche del vitigno, noto per la sua austerità.
Viene messo in bottiglia all'arrivo della stagione primaverile per poi affinare diversi mesi in cantina, dove attende di raggiungere l'equilibrio nel quale il vitigno mitiga la sua esuberanza e raggiunge quel bilanciamento tra sapidità e freschezza che fanno di questo vino espressione unica di questo territorio. Prima dell'estate si presenta ancora nervoso, lineare, ancora di là dello sbocciare in quella che sarà la sua vera identità, che raggiungerà alla fine del caldo, ad un anno dalla vendemmia. All'inizio delle brume autunnali il suo vigore sarà poi finalmente espresso in una più generosa ampiezza degli aromi che, sebbene sempre delicati, saranno bilanciati tra la mineralità ed il fruttato (agrumi, pesca...). Si noteranno sentori vegetali, talvolta di salvia.
E' il gusto il piano espressivo più importante per questo vino: la sapidità resa fragrante dalla sua freschezza, l'ampiezza ed il calore vibrante che lo rendono unico nella sua capacità di armonizzare con il cibo senza essere eccessivamente invadente ma sottolineando e valorizzando i piatti dai quali sarà accompagnato. Può maturare per diversi anni, svelandosi sempre più e sorprendendo. La prima annata venne prodotta nel 1983.
Durante gli anni è stato premiato dai principali concorsi ed ha ricevuto continui riconoscimenti dalle più credibili e prestigiose guide enologiche.
Il successo che ci onora maggiormente è quello ricevuto dai suoi affezionati cultori che, durante questi anni, ci hanno incoraggiato a perfezionarne sempre più la sua produzione, stimolandoci a rimanere fedeli e rispettosi delle caratteristiche del vitigno e del territorio.

Vitigno: Turbiana
Raccolta: Manuale
Vinificazione: acciaio
Gradazione alcolica: 12,5°
Prima annata prodotta: 1983
Aspetti Organolettici:prodotto dal vigneto più maturo di Selva Capuzza, ne rispecchia a pieno l’identità. A seconda dell’andamento stagionale, la turbiana di questo cru viene vendemmiata intorno all’inizio di ottobre. Affina esclusivamente in acciaio dove rimane parecchi mesi a contatto con le fecce fini. Quasi austero all’olfatto, con sentori minerali che si intrecciano con agrumi, cedro e mela. Pieno e complesso al palato, con lunga persistenza minerale.
Abbinamento Gastronomico: la sua complessità gli dà modo di poter essere abbinato anche a carni bianche come coniglio o pollo, oppure con una
tartare di carne rossa. Sostiene bene anche il pesce di mare e i primi piatti.
Prezzo al pubblico: € 16,90


Torna ai contenuti